Santuario Madonna dell’Arco - Padri Domenicani - Via Arco, 178 - 80048 Sant’Anastasia (NA)
IL SANTUARIO Realizzato   nei   primi   anni   del   1600   in   stile   neo   classico,   presenta   una   linea   pura   nel   suo   bianco   calce   delle   pareti   e   il   grigio   piperno   dei cornicioni.   L’arredo   è   tutto   di   epoca   settecentesca.   Nella   crociera   sinistra   il   grande   Crocifisso   scolpito   in   legno,   oltre   la   naturale grandezza,   ha   come   sfondo   un   affresco   con   Maria   e   le   pie   donne   ai   piedi   della   Croce. Al   centro   dell’abside,   l’altare   maggiore   in   marmi   ed intarsi   policromi. Alle   spalle   il   coro   ligneo   scolpito.   Il   grande   moderno   organo   sovrastante   conserva   la   facciata   lignea,   con   dorature   su   fondo verde,   dell’organo   secentesco.   Segue   la   cappella   del   SS.   Sacramento.   La   volta   affrescata   raffigura   la   Vergine   del   S.   Rosario. Alle   pareti   tele con   i   quindici   misteri   del   Rosario   ed   altre   fi   gure   di   Santi   domenicani.   Nella   crociera   destra   ancora   una   tela   della   Vergine   del   S.   Rosario   di gusto   spagnoleggiante.   L’interno   della   facciata   del   Santuario   è   interamente   coperta   da   una   tela   rappresentante   l’adorazione   dei   Magi. All’esterno   della   facciata   tre   portali   in   bronzo,   dell’artista   religioso   P.   Tarcisio   Musto,   celebrano:   il   centrale,   il   IV   centenario   dalla fondazione   del   Santuario   1593-1993. A   destra,   la   presenza   dei   frati   domenicani   1594-1994. A   sinistra,   la   nascita   della   provincia   religiosa   S. Tommaso   d’Aquino   in   Italia   1294.   Altri   ambienti   annessi   al   Santuario   sono   oltre   la   sacrestia,   la   grande   sala   delle   Confessioni,   il   grande Chiostro con la Sala delle Offerte, la sala dei Ceri ed altri ambienti, tutti con grandi pannelli di ex voto in argento e tavolette.   Esterno del Santuario Costruito   a   cavallo   tra   il   1500   e   il   1600,   il   santuario   della   Madonna   dell'Arco   è   rimasto   fondamentalmente   come   appare   oggi   al   visitatore. Solo   nel   1948,   per   facilitare   il   deflusso   delle   folle,   furono   ricavate   due   navate   laterali,   al   posto   di   alcune   cappelle,   e   due   ingressi   sulla facciata   principale.   Colpisce,   all'esterno   e   all'interno,   il   gioco   del   grigio   della   pietra   vesuviana   e   del   bianco   delle   pareti.   Nel   2008   la facciata del santuario ha beneficiato di un restauro e i tetti sono stati ricoperti in tegole come apparivano nei secoli passati. Prima   di   entrare,   al   devoto   che   arriva   al   santuario   si   presentano   tre   portali   di   bronzo,   realizzati   dall’artista   francescano   P.   Tarcisio   Musto nel 1993-94. Furono   commissionati   in   occasione   dei   tre   anniversari   che   ricorrevano   in   quegli   anni:   il   IV   centenario   della   fondazione   del   santuario   (1593), il   quarto   centenario   dell’arrivo   dei   Padri   domenicani   (1594)   e   il   VII   centenario   della   fondazione   della   Provincia   domenicana   nell’Italia meridionale (1294). Interno del Santuario Entrando   la   cosa   che   balza   agli   occhi   è   il   tempietto   con   l'immagine   della   Madonna,   al   centro   della   crociera   a   croce   latina   sotto   la   cupola, nello stesso luogo in cui si trovava il muricciolo dipinto. La   navata   principale   è   larga   mt.   10   e   lunga   mt.   22.   Sulla   parete   al   di   sopra   dell'ingresso   c'è   una   grande   tela      rappresentante   l'Adorazione dei Magi. Le pareti del santuario sono interamente coperte da tavolette votive. Tempietto e altare della Madonna Al   centro   del   santuario   fu   lasciata   al   suo   posto   originario   l'immagine   della   Madonna,   ma   fu   abbellita   con   un   altare   e   un   tempietto   di   marmi policromi      in   stile   fiorentino   del   1621   ad   opera   dell'architetto   Bartolomeo   Picchiatti.   Il   cupolino   in   legno   intagliato   fu   realizzato   nel   1709 dal   Troxler.   L’altare   fu   consacrato   l’11   maggio   1721   dal   Vescovo   di   Nola   Mons.   Francesco   Carafa.   Il   tempietto   fu   completamente   restaurato nel 1999-2000. IL CONVENTO Accanto   al   santuario   sorge   il   convento   formando   un   complesso   bello   e   maestoso,   pur   nella   semplicità   e   povertà   dei   materiali   con   i   quali   è costruito. La   costruzione   fu   iniziata   dopo   che   S.   Giovanni   Leonardi,   mandato   nel   1592   a   dirigere   il   santuario   nascente,   rientrò   a   Roma.   Il   10   agosto 1594,   il   santuario   fu   affidato   alle   cure   dei   figli   dell'Ordine   di   S.   Domenico   della   Provincia   di   S.   Caterina   degli   Abruzzi,   che   negli   anni successivi   costruirono   il   convento.   Parte   di   esso   era   destinato   ai   pellegrini.   Nei   secoli   successivi   fu   centro   di   intensa   vita   religiosa   e culturale. Con   la   Rivoluzione   Francese,   in   forza   di   una   legge   di   Giuseppe   Bonaparte,   nel   febbraio   del   1808   il   convento   fu   confiscato   e   i   religiosi allontanati.   Essi   continuarono   a   officiare   il   santuario   ospiti   di   amici   locali.   Il   convento   fu   dato   in   proprietà   al   Real   Albergo   dei   Poveri   di Napoli che ne fece un ospizio di vecchi. Con   la   restaurazione   borbonica   una   parte   del   convento   fu   restituita   ai   domenicani.   Ma   nel   1870,   con   l'avvento   dei   Piemontesi,   tutto   fu ripreso dall'Albergo dei Poveri. Dal 1885 al 1906 fu sede di ospedale psichiatrico e poi di nuovo ospizio dei vecchi. Solo   nel   1925   il   P.   Raimondo   Sorrentino   riuscì   ad   ottenere   un   consistente   numero   di   locali   e,   finalmente,   nel   1935,   a   ricomprare   quasi   tutto il   convento,   facendone   sede   dello   Studentato.   Dopo   di   allora,   negli   anni   60-70   con   P.   Mariano   Nazzaro   si   riuscì   a   liberarlo   e   restaurarlo completamente. L’ultimo restauro fu effettuato in occasione del Giubileo del 2000.
LĺIMMAGINE