Santuario Madonna dell’Arco - Padri Domenicani - Via Arco, 178 - 80048 Sant’Anastasia (NA)
LA CASA PER ANZIANI Lungo   il   viale   "P.   Raimondo   Sorrentino",   che   dalla   stazione   della ferrovia   Circumvesuviana   porta   al   santuario,   sorse   una   nuova   Opera, la   "Casa   per   Anziani".   Per   intuizione   e   con   l'aiuto   dell'Avv.   Giovanni Casilli   di   Napoli,   il   25   febbraio   1951   fu   posta   la   prima   pietra   del nuovo   edificio,   inaugurato   il   25   aprile   1956.   Un'opera   vista   con   tanto anticipo   sulle   nuove   necessità   poste   dalla   società   attuale   e   ancor   più degli anni avvenire. Presto     la     struttura     risultò     insufficiente.     L'opera,     inizialmente riservata   ai   soli   uomini,   nel   1980,   grazie   alla   generosità   di   un   altro devoto   della   Madonna   dell'Arco,   l'ing.   Giuseppe   Borselli,   alle   spalle della    prima    ne    sorgeva    una    più    moderna,    con    la    possibilità    di accogliere,   come   in   famiglia,   uomini   e   donne;   dotata   di   tutti   quei servizi   che   danno,   anche   in   una   convivenza,   tutto   lo   spazio   perché   il privato    resti    pienamente    riservato.    Le    Suore    domenicane    della Congregazione   di   S.   Maria   dell’Arco   sono   l'angelo   tutelare   di   questa grande famiglia. IL CENTRO STUDI SULLA RELIGIOSITÀ POPOLARE Il   Centro   Studi   Arco   sulla   Religiosità   Popolare,   fu   istituito   nel   1995,   ha   come   finalità   lo   studio,   la   valorizzazione   e   l’evangelizzazione   della religiosità   popolare   creatasi   intorno   al   santuario.   Inoltre   cura   la   conservazione   degli   ex   voto   con   la   relativa   catalogazione   elettronica   di ogni   singolo   pezzo   sia   pittorico   che   oggettuale.   Il   Centro   Studi   cura   un   prezioso   archivio   foto-documentale   ed   è   sede   della   Redazione   del Periodico   “La   Madonna   dell’Arco”   e   della   Collana   “Mente   e   Cuore”.   Ha   collaborato   alla   pubblicazione   di   alcuni   lavori   sulla   storia   e   sul   culto della Madonna dell’Arco. Mette   a   disposizione   a   studiosi,   ricercatori   e   studenti   delle   varie   Facoltà   Universitarie   di   tutto   il   mondo,   oltre   a   tutto   il   materiale   attinente la   realtà   di   Madonna   dell’Arco,   anche   una   vasta   biblioteca   sulla   religiosità   popolare.   Il   Centro   Studi   Arco   ha   instaurato   una   stretta collaborazione   con   studiosi,   ricercatori   ed   équipes   televisive   italiane   ed   estere   facendosi   conoscere   ed   apprezzare   a   livello   nazionale   e internazionale.      Inoltre   si   tengono   convegni,   incontri   culturali   e   catechesi   su   argomenti   di   approfondimento   della   fede.   Cura   il   sito   web   del santuario.   Il   Centro   Studi,   nel   2009,      ha   dato   alla   stampa   un’interessante   pubblicazione   dedicata   al   Museo   degli   Ex   voto   del   santuario “Votum.   Il   Museo   degli   Ex   voto   del   santuario   di   Madonna   dell'Arco".   Questa   pubblicazione   è   un   ulteriore   studio   sulla   raccolta   plurisecolare degli   ex   voto   della   Madonna   dell'Arco.   L'intento   è   quello   di   presentare   ai   tanti   devoti   il   nostro   Museo:   un   luogo   suggestivo,   denso   di   fede   e di   vissuto,   fatto   di   storie   di   tanti   uomini   e   donne   racchiuse   nelle   testimonianze   degli   ex   voto.   L'introduzione   è   a   firma   del   Maestro   Roberto De   Simone,   musicologo,   compositore,   concertista,   saggista,   già   Direttore   artistico   del   Teatro   San   Carlo   di   Napoli   e   del   Conservatorio   di Musica San Pietro a Maiella di Napoli. MUSEO DEGLI EX-VOTO Il   7   aprile   2000,   veniva   inaugurato   il   Museo   degli   ex   voto.   Il   Centro   Studi   Arco   ha   provveduto   in   tal   modo   all'allestimento   di   una   mostra permanente della ricca collezione di tavolette votive ed ex voto di ogni genere. I   tanti   ex   voto   ben   collocati   sono   stati   scelti   per   agevolare   il   visitatore   a   fare   una   lettura   di   fede,   più   che   di   arte   o   maestria,   essi   creano un'atmosfera che induce alla preghiera e alla meditazione. Il   Museo   degli   ex-voto,   che   va   dal   1500   ad   oggi,   è   la   raccolta   di un   grande   patrimonio,   con   un   intreccio   di   fede,   arte   e   storia. Esso    è    suddiviso    in    quattro    sale    espositive:    la    sezione    dei pittorici   e   dei   velieri,   la   sezione   oggettistica   e   dei   ceri,   la sezione dei preziosi e la sezione delle stampe. Una    struttura    museale    unica    e    suggestiva,    un    percorso    che induce   ad   una   seria   riflessione,   ma   viene   ad   essere   senza   ombra di   dubbio   la   testimonianza   più   diretta   della   secolare   devozione per la Madonna dell'Arco. Gli    ex-voto,    parlano    del    bisogno    di    aiuto    nel    dolore,    nella malattia,    nelle    avversità    di    ogni    genere    in    cui    l'umanità    si dibatte fin dal suo esistere. Riportiamo una pagina del P. Raimondo Sorrentino: Chi   mai   potrebbe   rendere   al   santuario,   abolendo   quei   voti,   la sua   immensa   poesia   di   ricordi?   Quelle   tavolette   che   parlano   la voce    riconoscente    delle    generazioni    succedutesi    ai    piedi    di Maria,   che   ricordano   la   storia   delle   innumerevoli   grazie,   che attestano   una   bontà   mai   venuta   meno,   dicono   all'anima   cose ineffabili   che   nessuna   arte   potrebbe   esprimere.   L'anima   si   sente come     trasportata     fuori     dal     tempo     e     dall'ora;     mille     visi sconosciuti   si   affacciano   al   pensiero,   mille   voci   imploranti,   mille anime   protese   verso   Maria   si   avvicinano   alla   nostra   anima,   la nostra   voce   si   confonde   con   l'eco   delle   voci   che   pregarono   nello stesso   luogo   secoli   fa,   noi   non   siamo   più   soli   a   piangere,   ci stanno   vicino   tutti   i   supplicanti   che   prima   di   noi   tesero   a   Maria   le   braccia…   ve   ne   sono   alcune   che…   recano   una   data   che   ci   assicura   che esse   furono   attaccate   alla   primitiva   edicola,   e   non   si   guardano   e   non   si   toccano,   quelle   rozze   tavolette   rose   dai   tarli   e   guaste   dal   tempo, senza   sentir   nell'anima   quel   sentimento   sacro   di   riverenza   che   desta   ogni   cosa   buona   fatta   più   preziosa   dal   tempo.   Dicono   quelle   umili tavole   quanto   lo   storico   non   può   dire,   ricordano   quanto   la   storia   non      può   ricordare:   sono   pagine   vive   di   un   volume   che   non   sarà   mai scritto.
LĺIMMAGINE