Santuario Madonna dell’Arco - Padri Domenicani - Via Arco, 178 - 80048 Sant’Anastasia (NA)
IL MUSEO DEGLI EX VOTO Il   Santuario   di   Madonna   dell’Arco   è   il   luogo   dove   maggiormente è   testimoniato   uno   degli   atteggiamenti   fondamentali   dell’uomo di   fede:   il   ringraziamento   che   nasce   dal   riconoscimento   dei   doni ricevuti dal Signore attraverso l’intercessione della Madre di Dio. Da   più   di   cinque   secoli,   senza   sorta   d’interruzione,   il   Santuario di   Madonna   dell’Arco   è   il   luogo   di   una   lunghissima   e   ampia testimonianza   di   fede,   fin   da   quando   la   guancia   dell’icona   della Madonna,    colpita    dalla    boccia    da    un    blasfemo    giocatore, sanguinò. Buona   parte   della   storia   primitiva   del   Santuario,   scritta   dal   frate domenicano    Arcangelo    Domenici    nei    primi    anni    del    1600, racconta   come   i   fedeli   per   ringraziare   la   Vergine   dell’Arco   del prodigioso   intervento   divino,   portavano,   come   testimonianza, tavolette votive da appendere alle pareti del Santuario. Per   il   devoto   offerente   l’ex   voto,   di   qualsiasi   natura   esso   sia,   è una testimonianza di fede. La   parola   voto,   è   da   intendersi   come   una   promessa   fatta   a   Dio   o alla   Madonna,   per   ottenere   un   beneficio.   L’ex-voto   è   appunto   la testimonianza   di   un   sentimento   religioso   puro   e   genuino,   un   atto di    fede    nel    richiedere    la    grazia    e    una    manifestazione    di riconoscenza   per   la   grazia   ottenuta.   In   qualsiasi   delle   forme   in cui   lo   conosciamo,   dalle   più   semplici,   come   la   riproduzione   in cera   o   in   argento   di   occhi,   di   braccia,   gambe,   cuori,   seni;   alle più   complesse,   come   una   tavoletta   lignea   dipinta   o   una   tela dipinta,     risponde     sempre     alla     stessa     esigenza     interiore. Potremmo   dire   che   è   una   preghiera   espressa   con   qualcosa   di visibile   strettamente   legato   all’orante.   Il   motivo   per   cui   si   offre o   la   sua   funzione,   possiamo   racchiuderlo   in   due   parole:   supplica o   ringraziamento.   L’ex   voto   pittorico   o   la   tavoletta   votiva   è innanzitutto   l’illustrazione,   dell’evento   difficile,   se   non   tragico della   vita   del   fedele,   in   cui   l’intervento   divino   si   è   manifestato ed   è   stato   riconosciuto.   Poi   questo   oggetto   diventa   il   segno   di riconoscenza, di ringraziamento per la grazia ricevuta. L’ex    voto    è    un    fenomeno    di    straordinaria    importanza,    esso possiede    il    più    chiaro    significato    per    dimostrare    gli    stretti collegamenti   fra   la   storia   delle   religioni,   la   storia   dell’arte,   la storia     delle     tradizioni     popolari     e     la     sociologia.     Massima espressione    del    tramandarsi    di    forme    rituali    e    di    religiosità popolare.    Va    messo    in    rilievo    il    valore    documentario    delle tavolette   votive:   la   vita   privata   della   società,   non   solo   delle classi   popolari,   ma   anche   della   nobiltà   e   della   borghesia,   aspetti che    si    riflettono    e    che    testimoniano    le    cose    della    vita quotidiana,   quali   i   costumi,   le   usanze,   le   credenze,   gli   strumenti di   lavoro   della   vita   agricola   e   pastorale,   gli   interni   ed   esterni dell’architettura    rustica    e    paesana,    l’esercizio    delle    cure mediche   e   chirurgiche,   la   navigazione   e   la   vita   marinara,   i   vari mestieri,   le   diverse   professioni,   i   mezzi   di   trasporto,   dai   carri agricoli   alle   carrozze   dei   nobili,   alle   diligenze,   alle   vaporiere, alle   automobili   e   ai   pullman,   fino   agli   aeroplani   e   ai   dirigibili, offrono    nel    loro    insieme    una    documentazione    di    eccezionale interesse   storico   e   sociologico.   Inoltre   le   tavolette   votive   hanno assunto   non   solo   un   valore   storico   ma   anche   artistico,   unica   e inestimabile   testimonianza   di   fede   di   tanti   uomini,   vissuti   in tanti   secoli   di   storia   delle   nostre   terre,   una   viva   testimonianza del costante progresso umano.
L’IMMAGINE