Santuario Madonna dell’Arco - Padri Domenicani - Via Arco, 178 - 80048 Sant’Anastasia (NA)
UN'IMMAGINE E UN NOME Quando,   nel   1450,   avvenne   il   primo   fatto   prodigioso,   l'immagine   della   Madonna   dell'Arco   era   dipinta   su   di   un   muricciolo,   che   fiancheggiava   la   strada   Napoli-Somma Vesuviana,   a   circa   8   Km   da   Napoli   e   a   meno   di   un   chilometro   dal   più   vicino   paese, chiamato S. Anastasia. Oggi,   chi   entra   nel   Santuario   la   vede   nel   tempietto,   costruito   nel   1621   sul   luogo preciso dov'era il muricciolo dipinto. Durante   un   restauro,   nel   1952,   si   tolse   il   pannello   di   marmo   anteriore   che   copriva parte   del   dipinto,   e   venne   alla   luce   gran   parte   della   primitiva   immagine   che   fu   poi nuovamente   ricoperta.   Nel   mese   di   marzo   del   2000,   al   termine   dei   lavori   di   restauro dell'intero   tempietto,   si   è   proceduto   a   togliere   definitivamente   il   pannello   di   marmo. In   tal   modo   si   poteva   ammirare   il   dipinto   nella   sua   interezza   come   doveva   apparire   la Madonna   nel   '400   ai   viandanti   che   vi   passavano   dinnanzi   e   che   certamente   avevano, fin da allora, una profonda devozione. Spesso ci si domanda il perché del nome di "Madonna dell'Arco". Esattamente   non   si   sa.   Forse   perché   tutta   la   contrada   si   chiamava   così,   dai   resti   degli archi   di   un   antico   acquedotto   romano.   In   ogni   modo   la   Provvidenza   ha   voluto   tale nome come segno di protezione celeste della Madre del Signore. L'IMMAGINE SANGUINA Come esplose la devozione popolare intorno all'immagine della Madonna dell'Arco? Era   il   lunedì   di   Pasqua,   6   aprile   1450,   e   nella   località   si   svolgeva   una   festa   paesana.   Due   giovani giocavano   a   chi   facesse   andare   più   lontana   una   palla   di   legno   colpendola   con   un   maglio.   Nel   gioco,   la boccia   di   uno   dei   due   andò   a   sbattere   contro   un   albero   di   tiglio   che   sorgeva   presso   l'Immagine, facendogli   perdere   la   partita.   Il   perdente,   accecato   dall'ira,   bestemmiando   scagliò   la   boccia   contro   la Madonna,   colpendola   alla   guancia   sinistra.   Questa,   come   se   fosse   di   carne,   cominciò   a   sanguinare.   La gente   si   gettò   sul   sacrilego   e   stava   per   linciarlo,   quando,   passando   di   lì   il   Conte   di   Sarno,   Raimondo Orsini,   Gran   Giustiziere   del   Regno   di   Napoli,   fece   liberare   il   malcapitato,   ma   costatato   il   miracolo, dopo   un   processo   sommario,   lo   fece   impiccare   allo   stesso   albero   di   tiglio   che   aveva   fermato   la   boccia. Dopo   ventiquattr'ore   l'albero   seccò.   Il   volto   della   Madonna   si   arrossò   di   sangue   di   nuovo   nel   marzo   del 1638.   Del   fatto   fu   redatto   un   atto   notarile   alla   presenza   del   Viceré   di   Napoli,   del   Vicario   Generale   di Nola e di molti sacerdoti, religiosi e laici. I PIEDI CADUTI Una   donna   di   S.   Anastasia,   Aurelia   Del   Prete,   sposata   a   Marco Cennamo   (esiste   l'atto   di   matrimonio   dell'8   novembre   1573),   il lunedì   di   Pasqua   del   1589   si   recò   alla   chiesetta   della   Madonna per   sciogliere   un   voto   insieme   al   marito   portandosi   dietro   un porcellino.   Nella   calca   questo   le   sfuggì   di   mano.   Rincorrendolo   tra   la   folla   e   bestemmiando   arrivò dinnanzi   alla   chiesetta,   dove,   incontrato   il   marito   con   un   ex   voto   di   cera   glielo   strappò   di   mano   e   lo calpestò bestemmiando e maledicendo l'Immagine, chi l'aveva dipinta e chi veniva a venerarla. L'anno   seguente,   verso   il   principio   della   quaresima   cominciò   ad   avvertire   male   ai   piedi   fino   a mettersi   a   letto.   Nella   notte   tra   la   Pasqua   e   il   lunedì   le   si   staccarono   i   piedi.   Era   l'anniversario   delle sue bestemmie. I   piedi   furono   seppelliti   di   nascosto,   ma   il   fatto   si   riseppe   e   la   gente   volle   che   fossero   disseppelliti   ed esposti nella chiesetta. La   folla   che   accorse   da   Napoli   occupò   la   strada   per   circa   2   Km.   Il   Vescovo   di   Nola,   Mons.   Fabrizio Gallo,   ordinò   la   chiusura   della   chiesetta,   ma   poi,   andato   personalmente   a   fare   un   sopralluogo,   l'11 maggio    istituì    un    regolare    processo    canonico,    in    seguito    al    quale    ritirò    il    divieto    di    venerare l'immagine della Madonna dell'Arco. Aurelia   Del   Prete   continuò   a   bestemmiare   la   Madonna,   poi,   pentitasi,   si   fece   portare   su   un   carrettino dinnanzi   all'Immagine.   Morì   il   28   luglio   1590.   I   suoi   piedi   si   vedono   ancora   oggi   in   una   gabbietta   di ferro dell'epoca, posta nella Sala delle Offerte. LA DIFFUSIONE DEL CULTO Dopo   il   miracolo   di Aurelia   Del   Prete,   il   culto   alla   Madonna   dell'Arco   si   diffuse   rapidamente   in   tutto   il   Regno   di   Napoli   e   presto   ne   oltrepassò i   confini.   Numerose   furono   le   chiese   e   cappelle   dedicate   alla   Vergine   dell'Arco   in   Campania   (Villaricca,   Miano,   Frignano,   Pietradefusi,   ecc.), Calabria   (R.   Calabria,   Siderno,   Mangone,   Belvedere   Spinello,   ecc.),   Sicilia   (Messina,   Palermo,   ecc.),   Puglia   (Bari,   S.   Agata   di   Puglia, Rutigliano,   ecc.),   Molise   (Cercemaggiore,   Cerro   al   Volturno,   ecc.),   Abruzzo   (Tocco   di   Casauria,   Civitaretenga,   ecc.),   Lazio   (Sora),   Emilia Romagna (Cento). La devozione alla Madonna dell'Arco era diffusa da soldati o mercanti. Negli ultimi decenni il vasto fenomeno dell'emigrazione ha portato la devozione negli altri continenti. I   nostri   emigrati,   memori   delle   loro   radici,   hanno   eretto   chiese   e   cappelle   in   Australia   e   negli   Stati   Uniti,   dove   celebrano   con   solennità   la sua   festa,   ed   anche   nei   grandi   centri   industriali   del   Nord   Italia,   come   Milano,   Torino   e   Varese.   Nella   città   di   Napoli,   poi,   non   si   contano   le tante edicole sorte lungo le vie, anche modestissime, ma sempre adorne di luci e di fiori. In Italia e negli Stati Uniti alcuni devoti vogliono la Madonna dell'Arco sulle loro tombe. LA PIETRA SPEZZATA Il   15   febbraio   1621   un   nuovo   prodigio   manifestò   la   predilezione   della   Vergine   per   la   sua   immagine   dell'Arco. Costruito   il   Santuario,   si   volle   abbellire   l'edicola   della   Madonna   incorporandola   nell'attuale   tempietto.   Fu   allora che   l'architetto   Bartolomeo   Picchiatti   ricoprì   l'immagine   con   marmi   pregiati   e   ridusse   la   visuale   primitiva   a   quella attuale.   Durante   i   lavori   di   riduzione   dello   spessore   del   muro   emerse   una   grossa   pietra   vesuviana,   che   con   una delle   sue   punte   arrivava   sotto   la   figura   della   Madonna. Tutti   i   mezzi   per   spezzarla,   anche   lo   smeriglio,   risultarono inutili,   anzi   si   rischiava   di   far   cadere   l'intonaco   su   cui   era   dipinta   l'Immagine.   Erano   le   quattro   della   notte,   la comunità    domenicana    era    in    preghiera    intorno    all’altare    della    Madonna,    quando    l'architetto,    vistosi    senza soluzione,      supplicò   anch’egli   la   Vergine   di   dargli   quella   pietra.   Da   sola   essa   si   spezzò:   parte   restò   nel   muro, parte   gli   cadde   fra   le   mani.   Pesava   69   libbre   e   mezzo.   Fu   stesa   una   relazione   da   tutti   i   presenti.   La   pietra   fu   in parte scheggiata nel tempo dai fedeli per devozione. Ciò che resta si vede tuttora in Santuario. DURANTE L'ERUZIONE Dal   15   dicembre   1631   al   21   gennaio   1632,   a   causa   di   una   spaventosa   eruzione   del   Vesuvio,   circa   3000   persone   si rifugiarono   al   Santuario      e   furono   amorevolmente   assistite   dai   Padri   domenicani.   Nonostante   terremoti,   caduta   di piogge   torrenziali,   ceneri   e   lapilli,   che   infransero   tutti   i   vetri   del   Santuario,   eccetto   quelli   del   finestrone   centrale   dov'era   dipinta l'immagine   della   Madonna,   tutti   rimasero   indenni.   A   ricordo,   gli   scampati   collocarono,   nella   parte   posteriore   dell'Immagine,   una   lapide   in marmo   nero   con   inciso   a   lettere   d'oro   il   nuovo   beneficio.   Oggi   i   fedeli   usano   strofinarvi   un   fazzoletto,   che   poi   passano   sulla   fronte.   Perché? Forse per invocare la protezione della Vergine Santa toccando questa parte del muro che è più vicina all'Immagine. Riportiamo   la   traduzione   della   lapide:   L'anno   1450,      essendo   stata   scagliata   una   palla   contro   l'Immagine   della   Vergine   Madre   di   Dio,   sul volto   di   quella   apparve   una   lividura.   L'empio   in   modo   meraviglioso   intirizzì,   e   tosto   sospeso   ad   un   albero   disgraziato,   pagò   la   pena.   Dopo novant'anni   essendo   stato   rinnovato   un   delitto   contro   la   stessa   Immagine,   si   rinnovò   anche   il   castigo   contro   la   donna   che   bestemmiava   ed esacrava,   alla   quale,   supernaturalmente   staccati,   caddero   i   piedi   dalle   gambe.   Di   poi,   essendo   stati   veduti   miracoli   salutari,   l’anno trentesimoprimo   del   secolo   decimosesto,   in   quell'ultima   funesta   conflagrazione   del   vicino   Vesuvio,   lungi   dal   tempio   ripieno   di   uomini   e   dal campo   ripieno   d'animali,   si   mantennero   le   fiamme   voraci,   e   per   altrove   si   diresse   l'impetuoso   torrente   di   fiamme,   i   Frati   Domenicani   alla benefica   Madre   posero,   l'anno   della   salute   1632   1'8   settembre.   Per   tutti   i   popoli   infine   qui   da   ogni   luogo   accorrenti,   l’altare   già   eretto   alla sacra   immagine   sfolgorante   per   miracoli,   che   fosse   consacrato   dall’Ill.mo   e   Rev.mo   Signore   Don   Francesco   Carafa   Vescovo   Nolano,   in perenne monumento di devozione e di gratitudine, gli stessi Frati curarono l'anno 1721, il dì 11 maggio. L'OLIO CONTRO LA PESTE Nel   1656   la   peste   dilagò   in   tutta   Italia.   Nella   sola   città   di   Napoli   fece   oltre   100.000   vittime, quasi metà della popolazione. In   tali   angustie   molti   fedeli   per   devozione   presero   dell'olio   dalle   lampade   che   ardevano dinnanzi all'altare della Madonna e unsero le parti ammalate, ottenendo miracolose guarigioni. Si   ricordano,   in   particolare,   un   certo   Onofrio   Santolino   di   Barra,   il   Conte   di   Massarema,   figlio del   Residente   di   Parma.   In   ricordo   di   queste   guarigioni,   a   lato   dell’altare   della   Madonna,   arde in   perpetuo   una   lampada   votiva   da   cui   viene   preso   l'olio   che,   ancora   oggi   i   fedeli   continuano   a chiedere e usano con fede. CIRCONDATA DI STELLE Dietro   il   vetro   che   protegge   l'Immagine   della   Madonna   dell'Arco   si   vedono   tante   piccole   stelle. Non è un motivo ornamentale, ma ricorda un prodigio avvenuto il 25 marzo 1675. Verso    il    tramonto    di    tale    giorno,    un    religioso    del    convento,    mentre    pregava    dinnanzi all'Immagine,   la   vide   risplendere   e   circonfusa   di   stelle.   Temendo   un'allucinazione,   chiamò   il sagrestano   e,   senza   dirgli   nulla,   l'invitò   a   guardare.   Anche   lui   vide   il   fenomeno.   Fu   chiamato allora   il   Priore,   P.   Pietro   Rosella,   che   constatò   il   fatto,   ma   proibì   a   tutti   di   far   parola   della cosa: se era un miracolo, si sarebbe svelato da sé. Fu   chiamato   il   Vescovo   di   Nola,   Mons.   Filippo   Cesarini,   che   confermò   il   prodigio.   Vennero   a constatarlo   anche   il   Viceré, Antonio Alvarez,   Marchese   di Astorga   e   l'Arcivescovo   domenicano   il Cardinale   Vincenzo   Orsini   che   più   tardi   fu   eletto   Papa   col   nome   di   Benedetto   XIII,   l'Inquisitore e i Consultori del S. Uffizio. Il   26   aprile,   dopo   un   mese,   il   notaio   Carlo   Scalpato,   di   Nola,   redasse   un   atto   notarile   alla presenza di moltissime personalità del tempo.
L’IMMAGINE