Santuario Madonna dell’Arco - Padri Domenicani - Via Arco, 178 - 80048 Sant’Anastasia (NA)
LUNEDÌ DOPO PASQUA La   pietà   popolare   al   santuario   della   Madonna   dell'Arco   esplode   ogni   anno   da   oltre   cinque   secoli   il   lunedì dopo Pasqua, in ricordo di quel lunedì del 1450 in cui avvenne il primo miracolo. In   tale   occasione   si   calcola   che   oltre   duecentomila   persone   affluiscono   da   tutta   la   Campania   e   da   altre regioni. Caratteristica    di    questa    giornata    è    la    partecipazione    al    pellegrinaggio    di    numerosissimi    gruppi    di "battenti"   o   "fùjenti".   Vestiti   di   bianco   con   fasce   rosse   alla   vita   e   azzurre   a   tracolla,   preceduti   da bandiere   e   stendardi   tutti   con   l'immagine   della   Madonna   dell'Arco,   vengono   a   piedi   (talora   scalzi),   spesso con molte ore di cammino. I GRANDI LUNEDÌ In   preparazione   al   pellegrinaggio   del   lunedì   dopo   Pasqua,   nel   santuario   si   celebrano   i   Grandi   Lunedì. Questi   hanno   inizio   il   lunedì   dopo   la   solennità   dell'Epifania   e   terminano   il   lunedì   santo. Alle   ore   10   e   alle ore   18,   preceduta   dalla   recita   del   S.   Rosario,   si   celebra   una   solenne   liturgia   eucaristica   accompagnata dal   canto   di   tutto   il   popolo   che   gremisce   il   santuario.   Qualunque   siano   le   condizioni   meteorologiche,   una folla    imponente,    proveniente    dai    dintorni    e    da    Napoli,    partecipa    con    grande    fervore    a    questo appuntamento,   che      si   rinnova   ogni   anno   e   con   sempre   più   vivo   fervore.   La   celebrazione   termina   con   la recita   della   novena   e   il   canto   della   Salve   Regina   fra   lo   sventolio   dei   fazzoletti.   Nell’ultimo   dei   Grandi Lunedì   il   Rettore   del   santuario   celebra   il   rito   della   bambagia   accostata   sul   volto   della   Vergine   dell’Arco   e distribuita ai fedeli che ne fanno richiesta. FESTA LITURGICA Il    18    aprile    si    celebra    la    festa    liturgica    della    Madonna dell'Arco.   Nel   1903   la   Congregazione   dei   Riti   della   Santa   Sede,   durante   il   Pontificato   di   Pio   X, concesse   di   celebrare   con   una   Messa   propria   la   festa   della   Madonna   dell’Arco.      In   questa   festa, dal   2007,   durante   la   celebrazione   solenne,   si   tiene   il   Rito   della   benedizione   dell’olio   della lampada che arde in perpetuo dinanzi all’immagine della Madonna dell’Arco. L A PENTECOSTE L'afflusso   dei   pellegrini,   anche   se   in   proporzioni   minori,   continua   nelle   settimane   seguenti   la Pasqua, particolarmente nei giorni festivi e il lunedì, fino a Pentecoste. Un   nuovo   afflusso   di   pellegrini   si   ha   alla   vigilia   di   Pentecoste.   Dalla   provincia   di   Caserta   e particolarmente   da   Caturano,   Macerata   Campania,   Recale,   Portico,   Musicile   giungono   a   piedi gruppi   di   pellegrini   da   200   a   800   persone.   Una   volta   erano   accompagnati   da   carri   trainati   da   buoi tutti   infioccati   per   alleviare   il   cammino   di   anziani,   bambini   e   donne,   ora   vengono   con   potenti trattori agricoli addobbati con rami di palme: i tempi cambiano, ma la devozione permane.  LA FESTA DELL’INCORONAZIONE Dal   1924,   per   il   50°   anniversario   dell'incoronazione   della   Madonna   (8   settembre   1874)   è   stata istituita   una   festa   esterna,   che   si   celebra   la   seconda   domenica   di   settembre.   In   quella   occasione si   svolge   una   solenne   processione   con   il   simulacro   della   Madonna   dell’Arco   per   le   vie cittadine   con   la   partecipazione   di   circa   cinquemila   persone   e   di   molte   associazioni   di "battenti". Il tutto si conclude col simulato incendio del campanile e fuochi pirotecnici. NATALE A MADONNA DELL'ARCO Un   forte   afflusso   di   pellegrini   si   ha   nel   periodo   natalizio   fino   a   gennaio   inoltrato.   Vengono da   tutta   la   Campania   per   ammirare   il   presepe   poliscenico,   con   pastori   di   scuola   napoletana e   statue   a   grandezza   naturale.   Il   presepe   del   santuario   è   sempre   stato   un'interessante meta   artistica,   suscitando   vivo   interesse   negli   artisti,   negli   appassionati   e   nei   tanti   fedeli del   nostro   santuario.   Le   prime   notizie   che   riguardano   il   nostro   presepe   risalgono   al   1897: "Per   il   Natale   fu   esposto   accanto   alla   porta   della   sacrestia   un   prezioso   presepe   chiuso   in uno   scarabattolo   donato   al   santuario   già   da   qualche   tempo”.   Nel   1945,   per   la   prima   volta venne   allestito   nella   cappella   di   S.   Domenico   dai   frati   studenti   domenicani.   Dal   1948,   a causa   dei   grandi   lavori   di   restauro   in   santuario,   il presepe    venne    allestito    nella    congrega    del    S. Rosario   (attuale   cappella   del   SS.   Sacramento).   Per il   Natale   del   1958   grazie   allo   zelo   e   allo   spiccato senso   artistico   del   Padre   Mariano   Nazzaro,   Rettore del   santuario,   si   volle   dare   una   cura   maggiore   e   una nota   artistica   a   tale   realizzazione,   impegnandosi   in prima      persona      e      affidandosi      alla      solerte collaborazione   di   fr.   Attilio   Cassano,   che   è   stato l'ideatore     e     lo     sceneggiatore     del     presepe     del santuario,   curandolo   con   sensibile   gusto   artistico   e   con   vera   passione.   Nel   Natale   del   1960   si preparò   il   presepe   nella   grande   Sala   Capitolare.   Qui   si   poté   costruire   un   grandioso   presepe,   favorito dallo   spazio,   in   altezza   e   in   profondità,   per   la   realizzazione   del   cielo   e   dell'imponente   cascata;   il tutto   di   grande   effetto.   Per   il   Natale   del   1965   fu   cambiata   l'ubicazione   e   per   la   prima   volta   fu allestito   nelle   cripte   del   convento   arricchendolo   di   scene   a   grandezza   naturale:   l'Annunciazione,   la Visita    a    S.    Elisabetta,    la    Presentazione    al    Tempio    e    alcune    scene    di    pastori.    In    seguito,    per accompagnare   il   visitatore   all'uscita,   lungo   il   corridoio   fu   allestita   una   serie   di   vetrine.   Ultima   scena un   ovile   con   pecore   vere.   Nel   Natale   del   2004   fu   inserita   una   meravigliosa   struttura   presepiale donata   al   santuario   dall'Associazione   Carafa   di   Cercola   e   nel   2008   l’originaria   scena   della   natività   è stata completamente rielaborata e arricchita di nuovi elementi.  TUTTO L'ANNO Durante   tutto   l'anno,   dalla   Campania   e   dalle   varie   regioni   italiane,   giungono   gruppi   di   pellegrini   in pullman. Spesso anche dall'estero. Frequenti   sono   i   convegni   e   i   congressi   che   si   svolgono   nelle   apposite   strutture   del   Centro   Studi della Religiosità Popolare.
L’IMMAGINE